Statistiche web

La crescita che non c’è

i dati visibilmente fasulli sulla crescita che non puo' esserci con questo livello di tassazione

La crescita che non c’è

La produzione industriale cala del 7%; il Pil cala del 2,6%; il potere di acquisto delle famiglie è in calo dell’11,8% dal 2008; questi sono i dati che ha fornito l’Istat, notoriamente vicino al governo, pochi giorni fa;

il 20 aprile commentavo i dati sulla crescita forniti dal governo -1,2 nel 2012 e +0,5 nel 2013, visibilmente fasulli.

Adesso anche Monti ammette che le manovre fatte dal governo sono state recessive ( lo sapeva benissimo anche prima).

Nel frattempo sentiamo con cadenza giornaliera dai rappresentanti del governo il mantra della crescita.

L’ultima è l’idea del ministro Passera della defiscalizzazione degli investimenti strutturali. L’articolo di Carlo Stagnaro spiega perchè la crescita non c’è e purtroppo, se andiamo avanti cosi’ non ci sarà neanche in futuro.

Ci sono due modelli di crescita;

il primo è quello adottato dallo stato italiano da 20 anni a questa parte, che numeri alla mano non funziona;

tassazione alta a imprese e cittadini e ridistribuzione degli investimenti con criteri politici; lo stato decide dove è piu’ virtuoso investire per fare crescere i soggetti piu’ meritevoli.

Ad esempio si danno fior di contributi e crediti di imposte alle imprese che investono nel mezzogiorno, che come sappiamo, in questo modo non è mai decollato;

oppure si sostentano aziende come la Fiat i cui risultati di crescita ( in Italia) sono sotto gli occhi di tutti).

Il secondo modo è lasciare che l’investimento lo faccia l’impresa; per fare questo è richiesta una tassazione bassa ( anche gli svedesi, che hanno uno stato sociale che noi ci sogniamo hanno deciso di ridurre la tassazione alle imprese 26%).

La descrizione di questo meccanismo lo facevo qui –L’importanza degli investimenti

Per crescere ci vogliono investimenti, il problema è chi è piu’ bravo a farli;

l’impresa che è sul mercato e se sbaglia paga di tasca sua o lo stato dove se l’investimento è fallimentare nessuno paga di tasca propria?

Se volete qualche esempio in proposito basta leggere i libri di Stella e Rizzo.

Vediamo cosa succede se diminuisce la tassazione alle imprese;

abbiamo 3 aziende con lo stesso capitale investito di partenza e lo stesso livello di redditività che si mantiene costante nel tempo; l’indebitamento è pari a 1;

la prima impresa è tassata al 60% ( in realtà oggi siamo oltre il 65%), la seconda è tassata al 40% e la terza è tassata al 30%.

crescita e tassazione
crescita e tassazione

già al terzo anno la capacità di investimento della azienda meno tassata è il doppio di quella piu’ tassata.

Dopo 5 anni l’azienda 1 ha aumentato il capitale del 17%, l’azienda 2 del 26,2% l’azienda 3 del 31,1%.

Le imposte pagate sono piu’ basse, ma l’azienda 3 avrà generato piu’ fatturato, e quindi piu’ iva, avrà generato indotto e presumibilmente avrà assunto piu’ persone.

 

Se consideriamo il saldo delle imposte pagate, il risultato finale è questo:

tasse pagate
tasse pagate

[feature_box style=”1″ only_advanced=”There%20are%20no%20title%20options%20for%20the%20choosen%20style” alignment=”center”]

se vuoi qui puoi scaricare gratuitamente  il report sull’analisi i bilancio, per fare le tue analisi

[/feature_box]

[arrows style=”arrow-blue-1.png” align=”center”]

Come si puo’ vedere l’impresa meno tassata paga 2.518.823 di tasse, contro 2.697.328, cioè 178.504 euro in meno.

Se dovessimo considerare il fatturato indotto dalle tre imprese e le tasse pagate dai lavoratori in piu’ ( e i soldi risparmiati in cassa integrazione e sussidi) i 178.504 sarebbero facilmente annullati.

Per capire meglio gli effetti perversi dell’aumento di tasse, ascoltatevi il podcast della trasmissione di Oscar Giannino sulla tassa sul lusso.

A Fronte di un reddito atteso di 155 milioni di euro l’incassato è stato di circa 23 milioni e questa grande pensata ha abbassato il fatturato del settore del 40% ( con conseguente calo di occupazione).

A dimostrazione che le tasse sono distorsive, i “ricchi” non rimangono a farsi tassare e chi ci rimette è chi campa nel settore….

Sempre piu’ clienti mi dicono che se ne vanno in Slovenia, in Austria o in Croazia; cerco di dissuaderli, perchè bisogna rimanere qui a cambiare le cose, ma ho paura di essere sempre meno convincente…..
Se questo post ti è piaciuto aiutami a diffonderlo nei tuoi network utilizzando i tasti di condivisione che trovi qui sotto 😉

A questo punto ti auguro buon lavoro e ti aspetto nei prossimi articoli

 

[optin_box style=”2″ alignment=”center” email_field=”email” email_default=”Scrivi la tua email” integration_type=”mailchimp” double_optin=”Y” thank_you_page=”http://impresaefficace.it/risorse/” list=”f92671a02b” name_field=”EMAIL” name_default=”Scrivi il tuo nome” name_required=”Y”][optin_box_field name=”headline”]Unisciti a impresaefficace.it[/optin_box_field][optin_box_field name=”paragraph”]PHA+UmljZXZpIGxlIHNsaWRlLCBpIGZpbGUgZXhjZWwsIGkgcmVwb3J0IGUgZ2xpIGFudGVwcmltYSBkZWdsaSBlYm9va8KgZ3JhdHVpdGFtZW50ZTwvcD4K[/optin_box_field][optin_box_field name=”privacy”]Rispetto la tua privacy e non cedo i tuoi dati neanche sotto tortura; puoi cancellarti dalla lista in ogni momento[/optin_box_field][optin_box_field name=”top_color”]undefined[/optin_box_field][optin_box_button type=”0″ button_below=”Y”]Iscriviti qui![/optin_box_button] [/optin_box]

 

Visita il nostro Shop

 

Shop impresa efficace

 

Gli Ebook di impresaefficace.it

 

kaizen costing
Gli strumenti per ridurre i costi in azienda

I segreti del bilancio

analisi di bilancio
Come capire e utilizzare il bilancio per la gestione aziendale

 

Se vuoi capire come fare un budget di vendita

 

Il budget di Vendita
Come definire Previsioni e obiettivi di vendita

 

qui puoi trovare come usare il margine di contribuzione

 

margine di contribuzione
Come usare il margine di contribuzione per migliorare la redditività

 

e infine qui impari a fare il rendiconto finanziario

 

Il Rendiconto Finanziario
Il rendiconto finanziario reso operativo

 

e infine 10 piccoli indiani per capire il bilancio

 

10 piccoli indiani
i 10 indicatori che servono a gestire l’azienda